Ri-apriamo con:
Qualcosa in più…

Ri-apriamo con: Qualcosa in più...

Tutto per riprendere con entusiasmo e impegno.

Vorrebbe proprio essere QUALCOSA IN PIÙ la nostra “vecchia” libreria.

Vi aspettiamo.

E poi strada facendo daremo spazio ad un sacco di novità.

Intanto ci aspettano le novità di Pasqua.

 

ORARI DI APERTURA:

Lunedì: giorno di chiusura
Martedì, Mercoledì, Giovedì: 9 – 12.30 | 15 – 18.30
Venerdì: 9 – 18.30 (orario continuato)
Sabato: 9 – 12.30 / 15 – 18.30

Dal 30 marzo al 16 aprile per ogni acquisto superiore a 15,00€ un omaggio da parte della libreria.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=2824

Apr 23 2017

L’Eco di Bergamo su Buona Stampa “Qualcosa in più…”

L'Eco di Bergamo su Buona Stampa Qualcosa in più...

Articolo dell’Eco di Bergamo di domenica 23 aprile 2017

Si volta pagina
Nella libreria allargata c’è “qualcosa in più”

Scarica l’articolo dell’Eco di Bergamo in formato .pdf

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=3009

Apr 20 2017

LA TERRA È LA NOSTRA CASA
Laura Salvi
ed. San Paolo

La Terra è la nostra casa di Laura Salvi

Libro da fare più che da leggere, questo testo vuole essere una mappa per crescere nel pensiero ecologico, alternando semplici pensieri di personaggi famosi e 40 diverse attività per mettere in pratica quanto riflettuto. Dopo due schizzi introduttivi sulla Terra e sulla casa in sei capitoli si propongono diversi temi: la Terra da provare, la Terra insegna, Terra al plurale, la Terra come casa vicina a ciascuno di noi, il domani della Terra. Creare colori con elementi naturali (barbabietola e prezzemolo), preparare disegni profumati, conoscere la voce degli alberi, tenere un diario dei consumi personali per evitare sprechi, abbellire dei semplici sassolini sono alcune delle attività proposte dopo ogni pagina di riflessione. Un testo semplice e stimolante.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=2998

Apr 20 2017

NUOVA PASTICCERIA EUFORBIA
Luigi Ballerini
ed. San Paolo

Nuova Pasticceria Euforbia di Luigi Ballerini

I caratteri grandi e le semplici illustrazioni in bianco e nero disseminate nel testo fanno pensare ad un libro per ragazzi, ma la storia sembra portare da un’altra parte per stile e temi di scrittura.
È un libro da leggere, innanzitutto, con il naso e con la bocca perché racconta dell’incontro, durante l’ultimo giorno di crociera, tra Eugenio De Vitiis, maestro profumiere in crisi, ed Euforbia, proprietaria di una pasticceria, di prossima inaugurazione, che produce dolci su misura a partire dal cliente che fa le ordinazioni. Travolto dall’entusiasmo della donna che lo mette in contatto con Matteo e Marta, due suoi allievi pasticcieri, Eugenio un poco alla volta sembra recuperare l’ispirazione fino a lanciarsi in un’impresa che non si sarebbe mai aspettato. Anche per Euforbia, che ha inaugurato con successo la sua pasticceria, la vita ha in serbo un’inaspettata quanto gradita sorpresa. Le vicende, semplici, sono alternati a curiosi annotazioni su profumi e fiori, dolci e sapori, allargando le percezioni del lettore. Libro strano, ma capace di incuriosire.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=2995

Apr 20 2017

MISERICORDIA E GIUSTIZIA S’INCONTRERANNO?
Francesco Moraglia, Adelchi d’Ippolito
Postfazione di Ferruccio de Bortoli
Marcianum Press

Misericordia e giustizia s'incontreranno? di Francesco Moraglia e Adelchi d'Ippolito

«Quando Dio opera con misericordia, non agisce contro la sua giustizia, ma compie qualcosa oltre i limiti della sua giustizia […]. Da ciò appare che la misericordia non toglie via la giustizia, ma è in qualche modo coronamento della giustizia»
«La misericordia […] fa andare ben oltre la giustizia, ma certamente l’andare “oltre” la giustizia non significa “contro” la giustizia o in senso opposto alla giustizia» (Adelchi d’Ippolito).
(Tommaso d’Aquino)
Su tema ostico e affascinante del rapporto tra misericordia e giustizia si sono incontrati e hanno dialogato a lungo, in un tiepido e luminoso pomeriggio d’autunno veneziano, il Patriarca Francesco Moraglia e il Procuratore aggiunto della Repubblica Adelchi D’Ippolito.
L’evento ha suscitato l’attenzione e il coinvolgimento di moltissime persone (numerose, in particolare, le autorità presenti) che hanno affollato, in quella circostanza, la splendida e ospitale Scuola Grande di S. Rocco a Venezia a pochi giorni di distanza dalla chiusura dell’Anno giubilare straordinario della Misericordia.
Questa pubblicazione riporta fedelmente gli esiti di quel dialogo originale, suggestivo e ricco di sane provocazioni che possono tuttora rilanciare interrogativi ed offrire, magari, qualche inizio o cenno di risposta. Il tutto è arricchito dall’intervento, realizzato appositamente per tale pubblicazione, del giornalista Ferruccio de Bortoli.
«Ritengo […] che giustizia e misericordia – nel rispetto delle loro specificità – si debbano incontrare non “ibridandosi” fra loro ma, piuttosto, comprendendo che la giustizia – anche quando è perseguita in modo rigoroso – è pur sempre una giustizia umana e imperfetta e che l’uomo è sempre “oltre” i necessari paletti posti dalla giustizia. E, allora, la misericordia è qualcosa che incontra ed accompagna la giustizia, come la giustizia è qualcosa che incontra e accompagna la misericordia» (Francesco Moraglia).
«Il colloquio […] fra il patriarca di Venezia Francesco Moraglia e il procuratore aggiunto della Repubblica Adelchi d’Ippolito […] ha il raro pregio della chiarezza e della sincerità. Chiarezza nell’esposizione delle idee e dei concetti. Sincerità nel definire i propri ruoli» (Ferruccio de Bortoli).

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=2991

Apr 20 2017

LA COMBINAZIONE
Santi Pullarà
prefazione di Alessandro Fo postilla di Maria Rosa Tabellini
Marcianum Press

La combinazione di Santi Pullarà

La combinazione è un ‘romanzo di deformazione’: segue infatti la storia di un ragazzo nato in una famiglia di mafiosi, e, così, fatalmente destinato a subire una serie di condizionamenti che lo porteranno a essere ‘combinato’ giovanissimo in Cosa Nostra.
Dietro il velo della fiction, questo particolare romanzo storico attraversa tre generazioni di famiglie di mafia, seguendo l’ascesa di un piccolo gruppo locale (l’immaginaria Villalta è in realtà Corleone), fino alla sua conquista dell’egemonia in Sicilia. Lo vede scatenare quindi una guerra intestina (con evidenza la Seconda di mafia), e poi un feroce scontro con lo Stato, con i relativi omicidi eccellenti, fino al declino determinato dalle collaborazioni di giustizia.
Regole e meccanismi di Cosa Nostra sono qui ricostruiti con precisione: Santi Pullarà non è un «collaboratore di giustizia», ma un protagonista che, dopo aver bruciato la propria vita in questa dispersione, ha intrapreso un percorso di recupero nel quale la rigenerazione attraverso la cultura e la scrittura hanno giocato un ruolo centrale.
Monumento di un personale riscatto, La combinazione schiude un universo delittuoso narrandolo ‘dal di dentro’, e illustrandone così non solo alcuni punti cruciali di difficile penetrazione, ma soprattutto certi snodi anche psicologici e addirittura quasi ideologici che ne hanno alimentato presa e diffusione. E non in un saggio, ma pienamente nella forma romanzo.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=2985

Post precedenti «