Archivio Categoria: libri

Lug 14 2017

BAD FAITH
CATTIVA FEDE
Ken Follett
EDB

Bad faith Cattiva fede di Ken Follett

L’essere nato in una famiglia gallese appartenente a una denominazione protestante particolarmente rigorosa ha segnato in maniera indelebile il rapporto di Ken Follett con la religione. Il giovane Ken iniziò a trasgredire le ferree regole del puritanesimo non appena possibile.

Questa la cattiva fede, bad faith, che caratterizza la sua giovinezza e che è stata raccontata in questo libro. Sarà all’università, dopo il confronto con Platone, Cartesio, Marx e Wittgenstein, che si ritroverà infine ateo, anzi, ateo arrabbiato. Ma qualcosa ultimamente è cambiato…

Il volume ha anche il testo inglese.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=3218

Lug 14 2017

CONNESSI E SOLITARI
Dario Edoardo Viganò
EDB

Connessi e solitari di Dario Edoardo Viganò

Un libretto semplice, immediato, profondo e… utile per “stare sul pezzo”.

L’autore, certamente competente, offre provocazioni e spazi di approfondimento capaci di mettere in moto una ricerca “esistenziale”.
Di fatto è in gioco qualcosa di davvero importante: la relazione. Quello spazio significativo di tempo e passione che permette di scoprire e accogliere l’altro, di tessere davvero una rete di socialità positiva e generativa.

Un testo veloce che invita a “metterci la faccia” proprio come frutto di una giusta comprensione del valore dei social.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=3214

Lug 11 2017

MARIO DELPINI
La vita, le idee e le parole del nuovo arcivescovo di Milano
Paolo Rodari
ed. Piemme

Mario Delpini La vita, le idee e le parole del nuovo arcivescovo di Milano di Paolo Rodari

Da vescovo ausiliare ad arcivescovo di Milano. Chi è Mario Delpini? Papa Francesco lo ha scelto per essere il pastore della diocesi che fu di sant’Ambrogio dopo i cardinali Martini, Tettamanzi e Scola. Classe 1951, uomo dal temperamento mite, ottimo rapporto con i fedeli, vicino ai sacerdoti, è stato segretario della Conferenza Episcopale Lombarda. Vicario generale episcopale per la formazione permanente del clero e responsabile dell’Istituto diocesano che si occupa dei presbiteri, Delpini è diventato celebre a Milano per una raccolta di bozzetti di vita parrocchiale “disegnati” con fine ironia.

Con stile affettuoso e lucidissimo ha raccontato un mondo che ben conosce, quello che gravita attorno al campanile parrocchiale, alla canonica, all’oratorio con tutti i suoi attori e comprimari, un mondo ricco di un’umanità variegata, a tratti ferita, bisognosa di attenzione e di cure.

Il vaticanista Paolo Rodari ricostruisce il percorso umano e spirituale di quello che si preannuncia un “grande vescovo”: affettuoso, informale, che non dimentica gli amici e i collaboratori che gli sono stati vicini. Lanciando uno sguardo sul futuro, il nuovo pastore di Milano pone i capisaldi della missione che lo attende: le sue idee sull’accoglienza agli immigrati, sul rapporto con le altre religioni e le altre confessioni cristiane, sulle prospettive della civiltà italiana e della Chiesa dei prossimi anni.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=3211

Lug 10 2017

IN CAMMINO CON DANTE
Franco Nembrini
ed. Garzanti

In cammino con Dante di Franco Nembrini

Il professor Franco Nembrini, bergamasco, si inserisce nel filone dei tanti che hanno negli ultimi anni divulgato il poema di Dante. Invitato a trattare il tema di Dante e la misericordia dall’emittente televisiva Sat 2000, ha riportato il contenuto delle trasmissioni televisive in un agile volume che si legge con grande facilità.

Tre sono gli aspetti interessanti di questo commento che lo segnalano rispetto ad opere analoghe.
Innanzitutto una puntuale spiegazione delle terzine contenute nei canti scelti, perché si tratta di un’antologia dall’opera di Dante, che permette anche a chi non ha competenze specifiche di comprendere le parole e il pensiero del poeta toscano, maturando anche una minima conoscenza della tecnica compositiva (per esempio i richiami fra i canti) e del complesso mondo culturale dell’epoca.

L’esperienza di anni di insegnamento ai ragazzi adolescenti della scuola superiore che porta l’autore a fare esempi pratici e concreti che non banalizzano ma aiutano a comprendere il significato dell’esperienza narrata da Dante, attingendo alla realtà vissuta dai giovani destinatari (p, 127) ed alle domande e considerazioni che si è sentito proporre da parte loro.

Il terzo aspetto è la scelta di una lettura esistenziale del poema nella convinzione che esso parli in profondità all’esperienza di chi legge: le parole del poema sono messe in dialogo con l’esperienza quotidiana di chi legge confrontandosi con la dimensione del perdono, delle relazioni familiari, la fatica e la bellezza del vivere. Ne risulta un’attualizzazione del poeta non artificiosa ma reale, che tocca le corde della comune esperienza umana, perché “il tema della Divina Commedia non è la descrizione dell’al di là: è la descrizione dell’al di là per descrivere al di qua. Il tema della Commedia è la vita su questa terra” (p. 15).

La conseguenza di tale impostazione è una lettura interessante che può far ricredere chi ha sbadigliato sopraffatto dalla pignola esegesi dei versi danteschi.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=3205

Lug 10 2017

DRAGON BOY
Guido Sgardoli
ed. Piemme (Collana Il battello a vapore)

Dragon boy di Guido Sgardoli

Max Stanghelli non è stato favorito dalla vita: deve portare l’apparecchio acustico, ha una gamba leggermente più corta e deve quindi camminare con una stampella, da poco tempo deve pure usare un sofisticatissimo apparecchio per i denti, ha un lieve problema alla colonna vertebrale…

Il passaggio alla prima media è stato fatale per lui: è diventato vittima di un gruppo di bulli che non gli risparmiano prepotenze (continui sequestri di merendine), scherzi feroci (indirizzi sbagliati quando si deve andare a casa di compagni che organizzano feste), soprannomi cattivi (andy, diminutivo non di Andrea ma di handicappato). Due fatti eccezionali cambiano la sua vita: la corrispondenza on-line con Deborah, una ragazza molto carina; la scoperta di un fumetto che lo fa sognare e che ha come protagonista uno strano supereroe: Dragon boy.

In particolare questo fumetto, le cui vignette sono riportate lungo il corso del racconto, riscuote sempre più il suo interesse perché Dragon boy gli assomiglia un po’ e vive avventure molto simili ai fatti che gli accadono a scuola. Max comincia ad indagare per scoprire chi è il misterioso autore dei fumetti ma con scarso successo, mentre la professoressa di musica lo coinvolge suo malgrado nel suo spettacolo di fine anno: Il mago di Oz. Proprio lo spettacolo permetterà a Max di scoprire chi ha creato il fumetto e tante altre cose che non si aspetta…

Un libro semplice e ben scritto, con soluzioni grafiche particolari che rendono meno faticosa la lettura e fanno venire voglia di vedere come vanno a finire le avventure di Max.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=3204

Post precedenti «