Archivio Mensile: aprile 2018

Apr 23 2018

FRANCESCO IL RIBELLE
Enzo Fortunato
Ed. Mondadori

Francesco il ribelle di Enzo Fortunato Ed. MondadoriSan Francesco è oggi più che mai uno dei personaggi chiave per comprendere come si vada configurando il cristianesimo in questo inizio di terzo millennio, a partire dalle parole con cui papa Bergoglio ha spiegato la scelta del suo nome: “Come vorrei una Chiesa povera e per i poveri! Per questo mi chiamo Francesco, come Francesco da Assisi”.

Con la semplicità, la mitezza e l’intenso fuoco interiore che hanno contraddistinto la sua vita, ancora dopo otto secoli attrae nel santuario di Assisi migliaia di persone ogni anno.

Ma “perché scrivere un altro profilo biografico? Non bastavano le tante biografie, alcune delle quali eccellenti, uscite negli ultimi anni?” si domanda nella Prefazione il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato vaticano.

“La risposta è che questo lavoro ha una sua caratterizzazione specifica.
Si potrebbe dire che si tratta di una lettura ecclesiale del santo di Assisi.
Padre Enzo Fortunato ha voluto mostrarci tutta l’attualità del pensiero e dell’azione di Francesco, mentre la Chiesa cerca ogni giorno di compiere quel cammino in “uscita” chiestole da papa Francesco, di non essere cioè chiusa nelle sue istituzioni, ma povera e aperta all’incontro, capace di proporre il Vangelo con la parola e con la vita.”

In queste pagine, ricche di testimonianze letterarie e pittoriche, si delineano così i luoghi che ha visitato, gli incontri che ha fatto, i gesti e le parole con cui ha formulato il suo messaggio, esplicitando quelli che sono stati il suo percorso personale ma anche la sua rivoluzione culturale, per spiegarne il “segreto”.

Francesco è l’uomo moderno, come moderna è la lingua che usa sia per la poesia sia per la predicazione.

Era “un ribelle, certo, ma un ribelle obbediente.
Un uomo obbediente, certo, ma un obbediente sempre libero” continua il cardinale Parolin.

“Come non leggere in controluce, nelle pagine di questo libro e nell’umanità di Francesco d’Assisi, il progetto evangelico che papa Francesco sta portando avanti per tutta la Chiesa?”

Il merito forse maggiore di questo libro è allora “quello di condurci a riflettere sul “ribelle” Francesco, ma anche quello di farci intravedere il volto del cristianesimo delle prossime generazioni”.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=4121

Apr 23 2018

IL CORAGGIO DI ESSERE FELICI
Battista Borsato
Ed. Dehoniane

Il coraggio di essere felici di Battista Borsato Ed. DehonianeDa dove nasce nell’uomo la spinta alla ricerca della felicità?

E questo impulso è in contrasto con il messaggio evangelico o trova in esso l’autentica strada da percorrere?

Queste riflessioni sulle beatitudini evangeliche cercano una risposta all’interrogativo sulla letizia e sulla sua declinazione religiosa.

“Gesù – sostiene l’autore – ha voluto liberare gli esseri umani e dare loro gioia e felicità facendoli uscire dalla prigione dell’io, e lo ha fatto servendosi di un fine umorismo, di un acuto intuito pedagogico che non mortifica le persone, ma le spinge a vivere con stupore”.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=4123

Apr 23 2018

IL DIAVOLO NEL CASSETTO
Paolo Maurensig
Ed. Einaudi

Il diavolo nel cassetto di Paolo Maurensig Ed. EinaudiL’autore si inserisce, consapevolmente e con una certa ironia, nel filone dei romanzieri che dicono di avere trovato la storia che narrano in un manoscritto composto da altri.

In questo caso il testo viene riportato alla luce durante la sistemazione di una stanza divenuta ormai un deposito: fra le altre cose vi si trovano manoscritti che aspiranti scrittori mandano fiduciosi al narratore, autore di un libro di successo una ventina di anni prima, nella speranza che li legga e li segnali a famose case editrici.

Si apre con quest’accenno al desiderio del successo letterario l’intrigante libretto di Paolo Maurensig che sceglie come protagonista della sua storia niente meno che il diavolo: abbandonate corna e fumi sulfurei qui assume le eleganti vesti di un editore, Bernard Fuchs, giunto in un paese svizzero dall’evocativo nome di Dichtersruhe, traducibile con “il riposo del poeta”.

La vicenda riportata nel manoscritto è narrata da un anonimo personaggio, cui viene dato il nome di Friedrich, che ha incontrato durante un convegno sullo psicanalista Jung un sacerdote, padre Cornelius, protagonista di una vicenda inquietante generata proprio dalla passione per la scrittura e dalla proposta di un concorso letterario al quale quasi la totalità degli abitanti di Dichtersruhe, allora suoi parrocchiani, partecipa.

Le file del gioco sono dirette da Fuchs che con abilità di volpe (come suggerisce il significato del suo cognome in tedesco) gestisce e alimenta rivalità e invidie. Lo sconto con padre Cornelius è inevitabile e la tensione crescente è palpabile nel susseguirsi dei fatti, anche perché alimentata dal misterioso dilagare di un’improvvisa rabbia silvestre provocata dalle volpi.

Il fascino del male, l’ambiguità delle ambizioni umane, il gioco sottile del potere, la vanità dell’apparire sono solo alcuni dei temi suggeriti da quest’agile libretto di poco più di cento pagine, scritto con uno stile raffinato ma non pedante, capace di proporre un’interessante parabola sul mondo di oggi.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=4125

Apr 21 2018

IL TEMPO DELLA COMPLESSITÀ
Mauro Ceruti
Ed. Raffaello Cortina

Il tempo della complessità di Mauro Ceruti di Ed. Raffaello CortinaPerché non riconosciamo più il mondo in cui viviamo?

Perché il mondo ci appare lo stesso, ma anche diverso, un mondo incomprensibile che funziona secondo logiche sconosciute?

E perché in questo mondo nuovo accadono cose in grado di ribaltare destini e realtà in tempi e modi una volta impensabili?

Il libro entra nel cuore di queste domande.

Le crisi dell’umanità planetaria rendono urgente l’educazione a un pensiero complesso: le conoscenze specialistiche, pur avendo apportato progressi, hanno frammentato i saperi e sono diventate un ostacolo alla comprensione degli attuali problemi globali, politici, economici, sociali, spirituali.

In un percorso interdisciplinare, Mauro Ceruti tratteggia il “tempo della complessità”, la nuova condizione umana e la nuova epoca in cui ci troviamo a vivere.

Una condizione e un’epoca radicalmente differenti da tutte quelle che l’hanno preceduta.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=4127

Apr 21 2018

LA FIGLIA DEL GUARDIANO
Jerry Spinelli
Ed. Mondadori

La figlia del guardiano di Jerry Spinelli Ed. MondadoriCammie, detta Tornado, è la figlia del guardiano della prigione della contea di Hancock allora ancora attiva (siamo nel 1959) e oggi trasformata in voliera.

La sua vita è in salita perché quando aveva pochi mesi ha perso la mamma, investita da un furgoncino del latte mentre spingeva la sua carrozzella.

La donna è miracolosamente riuscita a salvare la figlia, allontanando con forza la carrozzella verso il lato opposto della strada, ma questo ormai non è più sufficiente per Cammie che, giunta alla soglia dei tredici anni, avverte con sempre maggior forza il desiderio di avere una mamma.

La individua nella silenziosa e labriosa Eloda Pupko, una detenuta fidata che svolge quotidianamente a casa sua le funzioni di domestica tuttofare, attività concessa a detenute segnalatesi per la loro buona condotta; Cammie tenta qualsiasi cosa per attirare l’attenzione di questa donna, ma tutto sembra inutile di fronte al costante riservato distacco che Eloda le dimostra.

Di giorno in giorno Cammie diventa sempre più irrequieta: ottiene dal padre il permesso di incontrare le detenute nel cortile, si lancia in lunghe scorribande in bicicletta, prova a fare piccoli furti e a fumare.

Il tutto per colmare il vuoto crescente che sente dentro di sé e che le sue amiche – tutte con mamma viva e vigile – non riescono a cogliere fino in fondo.

Ma Eloda non coglie questa esigenza, o almeno così sembra.

Ambientato negli Stati Uniti degli anni Cinquanta, il libro ne restituisce l’atmosfera con leggeri tocchi: la musica di Elvis Presley, i vestiti, le trasmissioni televisive, il satellite Sputnik…

L’autore indaga con grande finezza le emozioni e i sogni di un’adolescente difficile, segnata da un’inquietudine profonda ed in ricerca costante di affetto.

Scritto in modo accurato e scorrevole, il romanzo è proposto ai ragazzi ma offre interessanti riflessioni anche ad un lettore adulto in particolare su che cosa significhi essere genitori, argomento oggi molto attuale.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=4130

Post precedenti «