Lug 17 2019

SARA
Laura Invernizzi
Ed. San Paolo

Sara di Laura Invernizzi Ed. San PaoloChi è la donna che accompagna Abramo durante il cammino che egli conduce fidandosi della promessa del Signore? Perché quando entra nel racconto viene chiamata Sarai, se – come Dio rivelerà – «Il suo nome è Sara» (Gen 17,15)? E che cosa si può dire, a partire dal racconto del libro della Genesi, del cammino di fede di questa donna? Chi è per lei Dio? Che volto ha? Camminare accanto ad Abramo le è sufficiente per condividere la sua stessa esperienza di fede e di abbandono? E quale sarà la parte di questa donna nella vocazione del marito? Sarà un aiuto? Sarà un ostacolo?

A Sara la Bibbia ebraica dedica più spazio che ad altre donne, ma la sua storia emerge solo in frammenti della storia di Abramo. Non si sa da dove venga questa donna, non si sa di chi sia figlia: oltre a ciò che altri dicono di lei, saranno le sue azioni e le sue parole a rivelarne l’identità nel corso del racconto, mentre i particolari espressi, mancanti o ripetuti, diventano indizi che guidano l’interpretazione. Questo volume intende accompagnare il lettore alla scoperta del modo in cui la Bibbia racconta Sara e la sua fede.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=6023

Lug 17 2019

TECLA
Alice Bianchi
Ed. San Paolo

Tecla di Alice Bianchi Ed. San PaoloSul calendario cattolico dei santi la sua memoria cade il 23 settembre, lo stesso giorno di San Pio da Pietrelcina, Padre Pio, che la supera per fama.

Eppure Tecla di Iconio, protagonista degli Atti di Paolo e Tecla (II secolo), sarebbe la prima donna martire cristiana, il corrispondente femminile di Santo Stefano: come mai la storia non le ha dato lo stesso rilievo? Era troppo ribelle per la parte maschile e potente della Chiesa? O troppo angelicata e banale per attirare l’attenzione femminile? Lungo i secoli è stata entrambe le cose: la paladina del riscatto sociale delle donne e l’esempio morale di verginità, la “madre della fede” degenere e quella bigotta. Da che parte stia davvero, lo si può dire soltanto tornando a leggere la sua vicenda di discepola, di cristiana… di “figlia” prima che di “madre”.

Alice Bianchi, attraverso la ricostruzione e l’analisi attenta degli Atti, racconto di un cammino, ci aiuta a tornare in ascolto della Tecla “originaria”, che parla a noi, uomini e donne, di ciò che è più importante: la serietà e il coraggio della fede e delle sue conseguenze.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=6021

Lug 16 2019

LA CHIESA NELLA CITTÀ
Giovanni Momigli
Ed. Ares

La chiesa nella città di Giovanni Momigli Ed. AresLa città rappresenta l’ambito per il necessario rinnovamento della Chiesa e della pastorale in senso missionario. L’àmbito in cui vivere una fede che sappia misurarsi con la concretezza quotidiana e dove operare per l’umanizzazione del mondo, tenendo fermi due poli di ascolto e di riferimento: la Parola di Dio e la voce, meglio, le voci della città.

Nella città confluiscono, e in essa anche nascono, molte sfide che oggi il mondo si trova ad affrontare, ponendo in modo nuovo la questione dell’uomo e del suo destino. Osserva il prof. Antonio Maria Baggio in Prefazione, che «il risanamento di una città comincia dal risanamento dei rapporti tra le persone», il suo stato di salute dipende «da coloro che ne hanno cura: non si tratta dei governanti o dei sapienti che parlano dall’alto, ma dei cittadini-custodi, coloro che si assumono la responsabilità ciascuno degli altri, che generano le persone alla cittadinanza e insieme cercano di scoprire il “disegno” della città e di custodirlo».

La città va ascoltata, leggendo le sue trasformazioni attraverso i volti, nella certezza che, come ha detto Papa Francesco, «il Signore è attivo e all’opera nel mondo».

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=6015

Lug 16 2019

NELLA NOTTE
Concita De Gregorio
Ed. Feltrinelli

Nella notte di Concita De Gregorio Ed. FeltrinelliConcita De Gregorio scrive un romanzo molto ambizioso, che cerca di scovare nel marcio della politica un residuo di interesse spassionato, che miri a migliorare le condizioni dei cittadini meno abbienti.

Ma nei tempi dell’internet la poca politica buona è sovrastata da tre S: sesso, soldi, segreti.

La De Gregorio salva le singole persone nel suo “Nella Notte”, ma non crede più che la politica possa cambiare. Solo rinunciare al potere può portare qualche cambiamento evidente, ma andiamo per ordine.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=6011

Lug 16 2019

TUTTO SARÀ PERFETTO
Lorenzo Marone
Ed. Feltrinelli

Tutto sarà perfetto di Lorenzo Marone Ed. FeltrinelliAndrea Scotto cala in un silenzio imbarazzato e intatto quando qualcuno gli chiede della sua famiglia. In “Tutto sarà perfetto”, Lorenzo Marone ci racconta la storia di questo quarantenne single che continua a vivere in un universo di irresponsabilità e guarda da sempre al suo nucleo di origine come la causa assoluta di tutti i suoi mali.

Il padre Libero, ottantenne e ormai malato, ex comandante di navi viene guardato a vista dalla sorella di Andrea, Marina, una donna con un grave problema di controllo, secondo il fratello. Fino ad ora Andrea Scotto non ha avuto grandi responsabilità all’interno della famiglia, ma quando Marina è costretta ad allontanarsi da Napoli per un breve periodo, toccherà ad Andrea fare compagnia al padre e assisterlo nella sua malattia.

Peccato che Libero Scotto abbia un carattere piuttosto difficile e non abbia nessuna voglia di essere trattato come un infermo. Inizia così una trasgressione delle regole totale, che passa dalla abrogazione del divieto di fumo, imposto da Marina al padre, fino alla decisione di andare a fare un giro a Procida. Libero lo chiede ad Andrea come uno dei suoi ultimi desideri, infatti Procida è il suo luogo d’origine, la sua Itaca tanto desiderata.

Qui tra profumi di limoni e di capperi, che crescono selvaggi, questi due uomini si ritroveranno e Andrea potrà finalmente fare i conti con il suo passato. In “Tutto sarà perfetto” la nostalgia e la bellezza dell’isola sono la cornice di un racconto familiare dove l’imperfezione regna sovrana, ma permette di crescere.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=6009

Post precedenti «

» Post successivi