Archivio Tag: Feltrinelli

Dic 13 2017

I VIAGGI DI DIO
Gaia Servadio
ed. Feltrinelli

I Viaggi di Dio di Gaia Servadio ed. FeltrinelliDio è una misteriosa necessità nel cammino dell’uomo: Gaia Servadio prende le mosse da questa constatazione, e dalle mura dell’antica città siriana di Dura Europos, per intraprendere con la leggerezza e la profondità che le sono proprie un viaggio nella spiritualità attraverso i secoli e i popoli.

Sulle rive del Tigri e dell’Eufrate, tra le nuvole che sormontano il Tauro, in mezzo alle rocce del Negev, sui ghiacciai dell’Ararat, in Persia e prima ancora in India, sui monti del Caucaso, sull’altopiano dell’Anatolia, le tante divinità di volta in volta create sono in fondo sempre lo stesso Dio, inteso come espressione di un bisogno – dapprima concreto e poi sempre più spirituale che porta l’uomo a costruire un Essere Superiore.

Il Dio che emerge dai bassorilievi e dalle statue, dai dipinti, dalle architetture dei templi, è un Dio che è sempre uguale e che sempre cambia nel tempo e nello spazio, secondo le necessità di chi lo custodisce nel proprio cuore. Con lo spirito della grande viaggiatrice, Gaia Servadio segue dunque le tracce del Viaggiatore per eccellenza.

La multiforme identità di Dio si rivela nei luoghi che ora la violenza di una spaventosa guerra di religione prova a cancellare, distruggendo le vestigia di tanta memoria spirituale, artistica, culturale: un patrimonio immenso, che in questo libro è evocato con brio e smagliante curiosità.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=3540

Dic 07 2017

VIVERE NEL MEDIOEVO
Chiara Furgoni
ed. Feltrinelli

Vivere nel Medioevo di Chiara Furgoni ed. Feltrinelli Come vivevano gli uomini, le donne e soprattutto i bambini nel Medioevo?
Cominciamo dalla stanza da letto, vivacemente utilizzata anche di giorno, per pranzare, studiare, ricevere visite e, se si fosse stati re, per applicare la giustizia.
Come era ammobiliata? E come ci si difendeva dall’assillo per eccellenza, il freddo? Perché i neonati venivano fasciati come piccole mummie e il rosso era così presente nel loro abbigliamento?
Crescere era difficile per un bambino: mancanza di igiene, cibo inadatto, balie incuranti. E il demonio, sempre in agguato, che faceva ammalare, rapiva e uccideva. Imparare a leggere e scrivere, un divertimento nell’ambiente domestico, un incubo quando entrava in scena il maestro, sempre severissimo.
Molti i giochi all’aperto, assai pochi i giocattoli veri e propri. Giocavano i bambini, meno le bambine. Se mandate in monastero non necessariamente avevano un destino infelice. Hanno copiato codici, scritto testi, miniato smaglianti capolavori.
Se ci si allontanava dalla casa o dalla cella per un viaggio, che cosa poteva capitare? Quali avventure nelle strade brulicanti di pellegrini, penitenti, malfattori? A tutte queste domande e ad altre ancora risponde l’autrice, in un racconto reso vivace anche da stupefacenti immagini.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=3520

Dic 06 2017

LEI
Maria Pia Veladiano
ed. Feltrinelli

Lei di Maria Pia Veladiano ed. FeltrinelliCosa c’è di divino nell’essere giovane madre di un figlio arrivato per grazia o per caso, e poi sperare per lui una vita buona, abbastanza buona e insieme temere per lui con tutte le paure di tutte le madri, che non incontri il male, che non sia troppo speciale, che il mondo lo accolga o almeno lo lasci in pace. Vivere in pace.
È la storia umanissima di ogni madre ed è la storia di Maria raccontata in poesia, in pittura, in musica, nel vetro, nel ghiaccio immacolato, a punto croce, sulle volte delle cattedrali e sui selciati delle piazze, a chiacchierino e col tombolo.
Qui parla Maria, Madre di Dio bambino, ma per ogni madre il suo bambino è Dio, vita che si consegna fragilissima e si promette eterna. Intorno a Maria uomini e donne che pensano di capire e poi gli angeli che fanno corona ma le loro ali non riescono a tenere lontano il gran male del mondo che si addensa in questo punto della terra in tutto simile a tanti altri punti della terra in cui in ogni tempo si è gridato «Uccidilo».
Quel che resta è un corpo rotto senza grazia, consegnato a una madre ancora giovane, anche lei simile a tante. Ma la fine non è scritta e i bambini nascono ogni giorno.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=3518

Dic 06 2017

CONCETTA
Gad Lerner
ed. Feltrinelli

Concetta di Gad Lerner ed. Feltrinelli27 giugno 2017: nella sede dell’Inps di Torino Nord, in corso Giulio Cesare 290, una donna si cosparge di alcol e si dà fuoco. È Concetta Candido, di mestiere fa la donna delle pulizie per una cooperativa, ma da sei mesi è stata licenziata.
Così, senza lavoro, senza Tfr e senza Naspi, il sussidio di disoccupazione che per un disguido burocratico non arriva, è all’apice della disperazione, con i prestiti da restituire e le bollette da pagare. Per questo sceglie il fuoco. Si procurerà ustioni di terzo grado sul 25 per cento del corpo e lotterà tra la vita e la morte per molti giorni.
Ora, dopo una lenta e dolorosa riabilitazione, penosi interventi chirurgici e sostegno psicologico, Concetta sta tornando alla vita e dovrà imparare ad accettare il suo nuovo corpo. Gad Lerner torna in libreria per raccontare da vicino questa storia, una storia che ci riguarda molto più di quanto siamo disposti a credere.
Gli uomini e le donne come Concetta sono i nuovi operai, ma non sono più dentro le fabbriche, non hanno sindacati né tutele, sono il regno del precariato, del lavoro nero e delle retribuzioni da fame.
E forse è significativo che il fuoco di Concetta sia divampato nella stessa città già bruciata dal rogo della ThyssenKrupp, che di un certo mondo operaio sancì la fine, anticipando la metamorfosi sociale che si è consumata nell’ultimo decennio. La storia della donna che lo scorso giugno si è data fuoco all’Inps di Torino ci racconta la trasformazione profonda del lavoro nel nostro paese.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=3513

Dic 04 2017

LE PIU’ BELLE STORIE DI SANTA LUCIA
Valentina Camerini
ed. Feltrinelli

Le Più Belle Storie di Santa Lucia di Valentina Camerini ed. FeltrinelliStorie, leggende e racconti tradizionali che hanno come protagonista la Santa della luce, da leggere insieme nell’attesa che arrivi la notte più misteriosa e amata dai bambini.

In libreria con un piccolo omaggio per i bambini.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=3502

Post precedenti «