Archivio Tag: L’alfabeto ebraico

Ott 25 2014

Alfabeto ebraico

download (1)
Paolo De Benedetti, L’alfabeto ebraico, Morcelliana

Un piccolo saggio che ci parla dell’alfabeto ebraico in grado però di calarci nella poesia ad ogni passo,o meglio, nell’atto stesso della creazione poetica e divina. Tutto questo perché nessun alfabeto,come quello ebraico,ci apre,ad ogni singola lettera,al mistero portando con sé spazi e silenzi dell’atto creativo e lo spessore originario del segno stesso. Come si legge nella premessa al testo : “quest’alfabeto è intriso di storia, di senso,di materia dell’uomo e di presenza di Dio”.
Ci si avvicina ad esso con “suggestione”e “rispetto”, consci di una doverosa sospensione dei
pre-giudizi e dei limiti delle proprie interpretazioni, poiché è proprio nell’essenza di queste lettere l’impossibilità di “approdare alla staticità di una definizione in sé conclusa”.
De Benedetti ci mostra come nell’ebraico la parola necessita di essere scritta, perché” l’alfabeto è uno degli elementi essenziali per la nascita-creazione del mondo”.
Le ventidue lettere,nel loro spessore, nella loro concretezza, “create da Dio come le montagne e i pesci”, hanno forma quadrata e non vi è casualità ma solo necessità anche nel loro ordine. Così, per esempio, la prima lettera, l’Alef, è silenziosa, ricca di “quel silenzio iniziale di Dio ma anche del suo parlare”. La seconda lettera, Bet , poiché ogni lettera è anche numero, indica il due, fondamentale nell’ebraismo dove”una cosa sola è uno ed è Dio, tutto il resto è due”.
Intramezzata alla sua analisi, finemente curata, di ogni singola lettera, l’autore accenna alle diverse, possibili forme di interpretazione, attenendosi a quella “più umile” dell’esegesi tradizionale e mettendo in luce i rischi delle speculazioni mistiche più estreme della qabbalà (facile è infatti il pericolo di “volare molto lontano”) oppure quello di cadere in un’estrema “laicizzazione” dell’alfabeto.
Ma nel mezzo degli estremi interpretativi è proprio il gesto del singolo, nel suo approssimarsi alle lettura, che apre alla possibilità di cogliere,come indicato nella citazione di Levinas, “fra tutte le parole della scrittura quella destinata solo a me e che scoprirò, forse, nella mia vita”. La ricerca del senso di finalità, di “adempimento”, ci appare così come un suggerimento e un cammino da intraprendere.
MlB

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=2190