Archivio Tag: Marcianum Press

Ott 04 2017

SUI CAMPI E SULLE RIVE DEL FIUME
Daniele Acciariello
Marcianum Press

Sui campi e sulle rive del fiume di Daniele Acciariello

Il romanzo è ambientato nell’Italia del secondo dopoguerra, sullo sfondo storico degli anni della contestazione e delle agitazioni studentesche.

Il protagonista, la voce narrante, ripercorre a ritroso le vicende personali e familiari, le une e le altre alquanto dolorose, che ne hanno punteggiato la vita, dall’infanzia all’età matura.

Uno sguardo ampio e disincantato su uno dei periodi più bui della storia recente del Paese, che si intreccia intimamente con le emozioni, gli struggimenti e, infine, la ricomposizione nell’età adulta del protagonista.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=3341

Set 30 2017

IMPARARE AD IMPARARE
Papa Francesco
Marcianum Press

Imparare ad imparare di Papa Francesco

La centralità della scuola nella società è un fatto non irrilevante che papa Francesco ribadisce continuamente e questo non per fare di essa un luogo dove si accumulano saperi, ma un centro dove si sviluppano valori e verità di vita.

«Se uno ha imparato ad imparare, – è questo il segreto, imparare ad imparare! – questo gli rimane per sempre, rimane una persona aperta alla realtà!».

Con prefazione di Valeria Fedeli, Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=3331

Mag 24 2017

LA GIOIA DELLA CARITÀ
Gualtiero Bassetti
Marcianum Press

La Gioia della carità del Cardinale Gualtiero Bassetti

“…con la carità tutto muta”: così san Paolo.
Il volume raccoglie una selezione di interventi, discorsi e omelie svolti dal Cardinale Gualtiero Bassetti a partire dalla sua ordinazione episcopale (avvenuta l’8 settembre del 1994) al 2015. Cinque capitoli: Una Chiesa missionaria; Il buon pastore; Il destino dell’umanità; I poveri; Città dell’uomo. Città di Dio, con la prefazione del Cardinale Silvano Piovanelli e un’introduzione inedita che sintetizza lo spirito del libro. Un libro che rappresenta, da un lato, il racconto di una vita – ovvero i luoghi, i momenti e le persone che hanno contrassegnato il ministero episcopale di Bassetti: basti pensare agli scritti dedicati a Firenze, ad Arezzo e a Perugia; oppure a Giorgio La Pira, al cardinal Benelli e a Vittorio Trancanelli – ed esprime, dall’altro lato, la cifra spirituale e la visione del mondo e della Chiesa del cardinal Bassetti. Una Chiesa che si ama e che si serve sempre senza pretendere nulla in cambio.
«La gioia – si legge nell’introduzione – è il regalo che il cristianesimo ha fatto all’umanità. La carità il mezzo per vivere, senza ipocrisia, la nostra fede. Essere cristiani senza gioia non è possibile. Ma vivere da cristiani senza carità è una sciagura». Dalla gioia della carità scaturiscono l’annuncio del Vangelo e lo slancio missionario verso gli ultimi. Questa la sintesi pastorale: al centro di ogni azione che si prefigga di andare verso l’uomo non può non esserci Cristo.
“Tutti – scrive Bassetti – noi siamo chiamati a costruire una Chiesa che è, da un lato, una dimora accogliente che sa annunciare, curare ed amare; e, dall’altro lato, una Chiesa che è come la barca di san Pietro che sa mollare gli ormeggi, prendere il largo e, resistendo alle onde e ai venti avversi, si fa pescatrice di uomini. Ovviamente, va da sé, ma è bene sottolinearlo con decisione, al timone della barca c’è sempre Dio”.

Oggi il card. Bassetti è presidente della Conferenza Episcopale Italiana. Pagine preziose allora per conoscere il suo cuore.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=3108

Mag 04 2017

SUI CAMPI E SULLE RIVE DEL FIUME
Daniele Acciariello
Marcianum Press

Sui campi e sulle rive del fiume di Daniele Acciariello

Uno sguardo ampio e disincantato su uno dei periodi più bui della storia recente del Paese, che si intreccia intimamente con le emozioni, gli struggimenti e, infine, la ricomposizione nell’età adulta del protagonista.

Sui campi e sulle rive del fiume è un romanzo di formazione ambientato nell’Italia del secondo dopoguerra, sullo sfondo storico degli anni della contestazione e delle agitazioni studentesche.

Il protagonista, la voce narrante, ripercorre a ritroso le vicende personali e familiari, le une e le altre alquanto dolorose, che ne hanno punteggiato la vita, dall’infanzia all’età matura.

Un’esistenza segnata da drammi familiari di assoluta gravità, cui fa da contraltare la quasi inconsapevolezza, con cui viene descritto il coinvolgimento del protagonista nei moti della proteste studentesche degli anni caldi.

Il ritorno del protagonista al paese natale e agli affetti da tanto tempo sopiti, esprime l’importanza che l’autore assegna alle radici per la storia di ciascuno di noi.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=3036

Apr 20 2017

MISERICORDIA E GIUSTIZIA S’INCONTRERANNO?
Francesco Moraglia, Adelchi d’Ippolito
Postfazione di Ferruccio de Bortoli
Marcianum Press

Misericordia e giustizia s'incontreranno? di Francesco Moraglia e Adelchi d'Ippolito

«Quando Dio opera con misericordia, non agisce contro la sua giustizia, ma compie qualcosa oltre i limiti della sua giustizia […]. Da ciò appare che la misericordia non toglie via la giustizia, ma è in qualche modo coronamento della giustizia»
«La misericordia […] fa andare ben oltre la giustizia, ma certamente l’andare “oltre” la giustizia non significa “contro” la giustizia o in senso opposto alla giustizia» (Adelchi d’Ippolito).
(Tommaso d’Aquino)
Su tema ostico e affascinante del rapporto tra misericordia e giustizia si sono incontrati e hanno dialogato a lungo, in un tiepido e luminoso pomeriggio d’autunno veneziano, il Patriarca Francesco Moraglia e il Procuratore aggiunto della Repubblica Adelchi D’Ippolito.
L’evento ha suscitato l’attenzione e il coinvolgimento di moltissime persone (numerose, in particolare, le autorità presenti) che hanno affollato, in quella circostanza, la splendida e ospitale Scuola Grande di S. Rocco a Venezia a pochi giorni di distanza dalla chiusura dell’Anno giubilare straordinario della Misericordia.
Questa pubblicazione riporta fedelmente gli esiti di quel dialogo originale, suggestivo e ricco di sane provocazioni che possono tuttora rilanciare interrogativi ed offrire, magari, qualche inizio o cenno di risposta. Il tutto è arricchito dall’intervento, realizzato appositamente per tale pubblicazione, del giornalista Ferruccio de Bortoli.
«Ritengo […] che giustizia e misericordia – nel rispetto delle loro specificità – si debbano incontrare non “ibridandosi” fra loro ma, piuttosto, comprendendo che la giustizia – anche quando è perseguita in modo rigoroso – è pur sempre una giustizia umana e imperfetta e che l’uomo è sempre “oltre” i necessari paletti posti dalla giustizia. E, allora, la misericordia è qualcosa che incontra ed accompagna la giustizia, come la giustizia è qualcosa che incontra e accompagna la misericordia» (Francesco Moraglia).
«Il colloquio […] fra il patriarca di Venezia Francesco Moraglia e il procuratore aggiunto della Repubblica Adelchi d’Ippolito […] ha il raro pregio della chiarezza e della sincerità. Chiarezza nell’esposizione delle idee e dei concetti. Sincerità nel definire i propri ruoli» (Ferruccio de Bortoli).

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=2991

Post precedenti «