Archivio Tag: Marsilio Editore

Mar 07 2018

LE SOSTENIBILI CARTE DELL’ITALIA
Luca Paolazzi, Teresa Gargiulo e Mauro Sylos Labini
Ed. Marsilio

Le sostenibili carte dell'Italia di Luca Paolazzi, Teresa Gargiulo e Mauro Sylos Labini Ed. MarsilioCos’è la sostenibilità? Riguarda l’ambiente o anche molto altro? È una questione solamente etica che fa appello al senso di responsabilità, individuale e collettivo, o è pure un affare economico? Si tratta di una moda passeggera o è una duratura e sempre più forte tendenza mondiale?

Qual è la situazione dell’Italia? E l’opinione degli italiani? Quali carte il Bel Paese può giocare per vincere questa difficile e decisiva partita? Quali valori lo distinguono dai concorrenti e gli danno un vantaggio, se trasformati in fattori per generare benessere? Che ruolo può avere la cultura? E il territorio? E quanto importante è il contributo delle imprese e degli imprenditori?

Queste sono alcune delle molte domande da cui ha preso le mosse la ricerca contenuta in questo volume. Le risposte sono incoraggianti e identificano le aree in cui istituzioni e imprese possono e devono fare di più e meglio. Puntano nella stessa direzione: per raggiungere la meta della sostenibilità, la via italiana deve coinvolgere tutti i soggetti, il settore pubblico come quello privato, i singoli e le associazioni.

Occorre una strategia complessiva dell’intero Paese, che è chiamato ad affrontare, con spirito imprenditoriale finalmente consapevole, la riconciliazione della crescita economica, dell’equilibrio ambientale e dell’equità. Insomma, della sostenibilità a tutto tondo.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=3801

Feb 01 2018

IL NUOVO MONDO DI FRANCESCO
Antonio Spadaro
Ed. Marsilio

Il nuovo mondo di Francesco di Antonio Spadaro Ed. Marsilio«Marxista» o «populista», «profetico» o «rivoluzionario»: sono tante le possibili definizioni e letture dell’operato di papa Bergoglio.

Qualunque giudizio si esprima, è innegabile che la sua figura sia ormai quella di un leader in grado di esercitare un’enorme influenza sulla politica internazionale.
I suoi decisi – e spesso poco convenzionali – interventi nell’intricato schema della geopolitica globale hanno cambiato il tono del dibattito, generando entusiasmo e stupore, oltre a numerose critiche. E non potrebbe essere altrimenti.

La diplomazia di Francesco è ben poco diplomatica perché è anche la risposta a un’alternativa fondamentale: accettare una sorta di «globalizzazione dell’indifferenza», con la fine imminente di un mondo che erige frontiere, governato da un potere che prosciuga le relazioni tra gli uomini e fa della guerra l’unico arbitro della politica mondiale, oppure combattere i presagi di una nuova apocalisse costruendo ponti e forme alternative di azione, ispirate da criteri di accoglienza, inclusione, misericordia.

Antonio Spadaro, direttore della «Civiltà Cattolica», accanto ad autorevoli commentatori delle vicende politiche vaticane e non, ricostruisce le strategie attraverso cui Francesco e la sua «Chiesa in uscita» stanno mutando radicalmente il confronto sugli equilibri mondiali.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=3688

Set 07 2017

LO SPREGIO
Alessandro Zaccuri
ed. Marsilio, 2016

Lo spregio di Alessandro Zaccuri

La scrittura secca e precisa è una delle caratteristiche di questo romanzo che assume fin dalle prime pagine una tonalità tragica.

Siamo all’inizio degli anni Novanta: Franco Morelli, detto Il Moro, gestisce una trattoria al confine con la Svizzera, ma i suoi guadagni provengono da un insieme di attività illegali che vanno dall’appoggio al contrabbando alla prostituzione. Quando Angelo, il figlio tredicenne, scopre tutto questo la venerazione che nutre per il padre si trasforma in sorda ribellione e competizione, apparentemente accettata dal genitore, uomo di poche parole e ancora più di gesti e manifestazioni di qualsiasi sentimento.

Gli equilibri già precari saltano quando Angelo conosce Salvo, figlio di don Ciccio, malavitoso meridionale che con la famiglia è stato trasferito al nord. Salvo, spendaccione e ambizioso, rende partecipe Angelo di una realtà fatta di locali, conquiste femminili, notti in famose città ma, nonostante tutto, rimane fra i due una grande differenza di mentalità soprattutto sulla dimensione religiosa. Questa inconsapevolezza porta Angelo a commettere un errore che avrà tragiche e irrimediabili conseguenze, nonostante i tentativi del Moro di dialogare con don Ciccio, rispondendo ai sussulti, per quanto tardivi, di paternità.

Pur nell’asciuttezza della cronaca, il racconto ha una spiccata componente simbolica e mette a tema almeno due argomenti importanti: il rapporto padre/figlio (nelle due coppie speculari e contrapposte: Moro/ Angelo; don Ciccio/ Salvo) e la responsabilità personale delle proprie azioni, per cui ognuno paga per ciò che ha fatto.

Libro interessante pur con amaro e non inaspettato finale.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=3296