Archivio Tag: Queriniana Edizioni

Giu 28 2018

LA STORIA DI DIO NELLA BIBBIA
Xabier Pikaza
Ed. Queriniana

La storia di Dio nella Bibbia di Xabier Pikaza Ed. Queriniana

Fra i tanti segni di Dio che ci sono nel mondo e nella storia, spiccano il padre e la madre: da loro l’essere umano riceve – insieme a fratelli, amici e compagni – non soltanto la vita, ma anche la parola, l’amore e una missione. I genitori sono il segno più profondo di Dio.

Dio è Jahvé per gli ebrei, che non osano pronunciarne il nome. Per i cristiani va invocato come Padre (abbà) – e anche Madre (immà) – perché Gesù stesso ha insegnato a pronunciare così il suo nome.

Questo libro racconta allora la storia e il significato del Dio della Bibbia, dando particolare risalto ai nomi con cui è stato invocato: quale Padre del Signore nostro Gesù Cristo, certo,
ma anche – rivoluzionando certi presupposti radicati nelle tradizioni religiose dell’umanità – con i suoi tratti, affettivi e materni, di tenerezza.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=4590

Mag 10 2018

VANGELO E PROVVIDENZA
Emmanuel Durand
Ed. Queriniana

Vangelo e Provvidenza di Emmanuel Durand Ed. QuerinianaÈ ancora possibile leggere l’azione di Dio nel quotidiano così come nel lungo periodo, nei cuori delle persone così come nella storia?
La parola “Provvidenza” è sparita dai radar cattolici: è come evaporata.

La sovranità di Dio – il suo intervento nel mondo – ha smesso di essere un dato evidente. Eppure per secoli i cristiani hanno testimoniato che una Provvidenza divina esiste e che non si può fare a meno di credere e confidare nell’intervento divino a favore dell’umanità (come singoli e come popoli).

Il domenicano Durand si propone allora di ripensare la dottrina sulla Provvidenza.
Lo fa ripartendo dal vangelo della salvezza e orientando pragmaticamente la teologia verso una rinnovata concezione pasquale dell’azione di Dio per noi.

Senza dimenticare le grandi lezioni di Agostino d’Ippona, di Tommaso d’Aquino, di John Henry Newman, l’autore spiega come Dio non si sia affatto congedato da questo mondo.

È sempre possibile stupirsi delle meraviglie che Dio compie in mezzo a noi e confessarlo là dove sembrava assente o silenzioso, evitando peraltro le contraddizioni di un ingenuo provvidenzialismo.

Un libro per tornare a confidare in modo maturo nella “divina Provvidenza”, ripensata in termini più biblici e secondo un profilo contemporaneo.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=4263

Mag 10 2018

SPERARE
Giovanni Ancona
Ed. Queriniana

Sperare di Giovanni Ancona Ed. QuerinianaSperare è operazione veramente difficile, soprattutto oggi: richiede di spingersi oltre ciò che contrasta la pienezza della vita.
Proprio per questo è importante riscoprire il senso della speranza, sul piano umano e religioso.E questo è l’intento del presente saggio.

Ancona sviluppa il suo percorso toccando in successione queste tappe: lo sperare umano, quale azione fondamentale nell’esperienza di ogni persona; lo sperare specifico dell’uomo religioso, e del cristiano in particolare; la preghiera, la sofferenza, l’agire e il giudizio come luoghi qualificanti di apprendimento dello sperare; l’esercizio concreto dello sperare nella storia.

Viene reso disponibile al lettore, così, un itinerario che motiva a scommettere ancora sulla speranza.
Perché sperare – non solo per se stessi, ma anche per gli altri e per l’intera creazione – è bello e rende liberi: prospetta una totalità che dischiude ulteriori orizzonti di senso.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=4258

Feb 09 2018

I GIOVANI E LA FEDE
Bruno Forte
Ed. Queriniana

I giovani e la fede di Bruno Forte di Ed. QuerinianaIl sinodo dei vescovi dedicato al tema «I giovani, la fede e il discernimento vocazionale» stabilisce una reciprocità significativa: i giovani non devono essere solo l’oggetto passivo della riflessione ecclesiale, ma sono chiamati a coinvolgersi quali protagonisti e interlocutori veri.

Non si tratta di una visione idealizzata dei giovani: se la “società liquida” non offre loro appigli scontati, certezze facili o strade aperte e sicure, la Chiesa propone loro quella pienezza di vita e di amore che il Signore ha sognato per ciascuno di loro.

E lo fa nella consapevolezza della complessità delle situazioni di partenza, ma anche nella convinzione che più che mai oggi l’annuncio della buona novella ha il sapore di una sfida, di un pungolo ad aprirsi a nuovi stili di vita e a nuove forme di protagonismo.

Le pagine di questo libro, nate soprattutto da incontri e dialoghi di Bruno Forte con i giovani (o da loro stimolate), intendono essere un piccolo aiuto a compiere insieme questo cammino.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=3730

Set 28 2017

LA LIBERTÀ A RISCHIO
Le idee moderne e le radici bibliche
Giuseppe Angelini
ed. Queriniana

La libertà a rischio Le idee moderne e le radici bibliche di Giuseppe Angelini

La libertà, che cos’è e come si fa a esprimerla? Ecco uno testo colossale che incoraggia l’idea di libertà, «venuta nel mondo per opera del cristianesimo» (Hegel), esplorando la storia del pensiero e ritornando ai testi biblici.

Singolare destino è quello della libertà. Massimo titolo d’onore del soggetto singolo, diritto perentoriamente rivendicato nello spazio pubblico, essa pare oggi invece dissolversi e perdere consistenza nell’esperienza personale. Sembra quasi che la si difenda tanto più rigidamente, quanto minori sono le convinzioni di poterne disporre. Libero davvero non è colui che può fare quel che gli pare. Libero è colui che può volere quello che fa, che può legarsi cioè alle proprie azioni e, mediante esse, disporre di se stesso.
F. Nietzsche ebbe a dire che il male maggiore di cui soffre l’uomo contemporaneo è proprio l’incapacità di volere: un difetto di libertà. Non così, però, la libertà è stata pensata nella storia della filosofia occidentale (e della stessa teologia): è stata fondamentalmente pensata in termini politici, nella prospettiva cioè del rapporto del singolo con gli altri. Mai è stata pensata nella prospettiva più vera, quella del rapporto del soggetto con le proprie azioni. Appunto a questa prospettiva si riferisce il messaggio cristiano sulla libertà, che, nei fatti, è riuscito a plasmare una cultura e un costume. Oggi quel costume va dissolvendosi; di riflesso, diventa sempre più urgente pensare espressamente l’idea di libertà, «venuta nel mondo per opera del cristianesimo» (Hegel). È il tentativo fatto in questo libro, attraverso la recensione della storia delle idee e il ritorno ai testi della Bibbia.

Un testo magistrale che incoraggia l’idea di libertà, esplorando la storia del pensiero occidentale e confrontandosi con la Scrittura.

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Permalink link a questo articolo: http://www.buonastampa.it/wordpress/?p=3317

Post precedenti «